Bambini con cartelli lingua

Siti internazionali: non c’è multilingua senza SEO

Siti internazionali: non c’è multilingua senza SEO

Hai deciso di intraprendere la strada dell’internazionalizzazione della tua impresa e ti occorre un sito multilingua? Per creare un sito web con più lingue senza rinunciare al traffico organico dovranno essere ottimizzate tutte le lingue scelte.

Avere versioni multiple del sito significa moltiplicare l’efficacia della comunicazione ma anche le potenziali problematiche. Bisogna essere sicuri di avere le idee ben chiare già in fase di progettazione e dotarsi delle infrastrutture appropriate.

Per creare il tuo sito multilingua avrai bisogno di servirti della consulenza di un professionista che si occupi dell’ottimizzazione dei siti per i motori di ricerca o SEO. I siti multilingua, infatti, non sono tutti uguali e, a seconda dei casi, occorre valutare l’implementazione di diverse tecniche per la segnalazione ai motori di ricerca delle varianti del tuo sito.

SEO per i siti multilingua e multiregionali

Sarà compito del consulente SEO analizzare le versioni multilingua, capire come fare raggiungere le pagine del sito da utenti di uno specifico paese, evitare il contenuto duplicato e valutare altri aspetti che potrebbero comportare effetti negativi sul posizionamento del sito.

Oltre ad essere multilingua, il tuo sito potrebbe essere multi-regionale e restituire contenuti diversi a seconda della localizzazione anche se sono scritti nella stessa lingua.

Il SEO ha diversi strumenti a disposizione attraverso cui specificare a Google come è costituita l’architettura informativa di uno o più siti web ma lo strumento di segnalazione più efficace resta sempre la sitemap.

Cos’è e come funziona una Sitemap Multilingua

Una sitemap indica a Google quali sono le pagine del tuo sito e le loro caratteristiche quali la loro importanza, la loro frequenza di aggiornamento e le immagini in esse contenute.

La sitemap multilingua è una versione “avanzata” della sitemap standard che, oltre a queste caratteristiche, indica le corrispondenze fra le varie versioni della pagina in lingue diverse e comunica al motore di ricerca a quale area specifica degli utenti parlanti una determinata lingua sono destinati i contenuti.

Sitemap Multilingua generata in maniera dinamica e statica

Una sitemap può essere scritta una tantum, senza possibilità di aggiornamento, oppure venire generata dinamicamente come quella generata dal plug-in SEObyYoast.

Attualmente la versione gratuita di SeoYoast non permette di gestire le sitemap multilingua secondo le linee guida di Google quindi l’unica soluzione per “rispettare le regole” era sostituirla con una sitemap statica.

Di fondamentale importanza è però fornire a Google indicazioni aggiornate sulla struttura del proprio sito web. Grazie al plug-in WordPress per i siti multilingua XML Multilanguage Sitemap Generator siamo in grado di fornire a Google una sitemap dinamica.

La sitemap è disponibile per i siti WordPress che utilizzano WPML e Polylang per la gestione delle lingue. Tramite la sitemap generata da questo plug-in , creato da Marco Giannini, membro del nostro team di sviluppo, riusciamo a gestire i siti multilingua dando le corrette indicazioni a Google sulla natura delle pagine web ed ottenere risultati migliori per i nostri clienti.

Progetti web. Taglia quello che hai studiato sui libri, abbandona la tua “zona di confort” e fai attenzione ai dettagli.

Molte volte ci chiediamo, almeno noi del settore, quale sia l’approccio giusto per la realizzazione un progetto web. Tante sono le interpretazioni vincolate dalla qualifica di chi le imposta.

I tecnici: ci dicono che un progetto web nasce e si sviluppa sulle funzionalità che il sito dovrà avere impostando un metodo di lavoro schematico e ricco di dettagli sulle date di consegna e sullo sviluppo delle singole funzioni.

I markettari: ci dicono che il progetto nasce da un idea che viene tradotta principalmente nella realizzazione della grafica e di contenuti focalizzandosi sulle potenzialità di raccogliere pubblico (da motori o social).

Cercate su google e troverete un sacco di letteratura in merito a quanto vi ho detto. Sulla figure di account, project manager, marketing manager etc…

Lo volete proprio sapere?? Un sacco di CAZZATE!!!! E non lo dico per presunzione ma per esperienza!!!
Di certo queste definizione a me il Duca stanno veramente strette !!!

Partiamo dal presupposto che ormai per fare un sito e un po’ di marketing basta veramente poco, fra un po’ mia figlia di 2 anni lo sa fare!
Vai su Themeforest ti scarichi un bel template di WordPress ti prendi un hosting con il software già installato a due euro e ci metti due o tre giorni per caricarci testi e foto. Il gioco è fatto! Dalle mie parti si dice: Ti sei levato la sete con il prosciutto!

Chi si culla sugli allori, chi non vuol abbandonare la sua “zona confort” è destinato a fallire! Chi riesce a conservare sempre una certa dose di insoddisfazione è la persona più adatta a superare gli ostacoli e conservare e, soprattutto, incrementare il successo nel proprio business. [cit.]

Se la aspettate da me io non ce l’ho. Vi posso però indicare quella che uso io, ovvero la ricetta del Duca.
Allora esiste una ricetta PERFETTA per realizzare un progetto web? 

L’approccio ad un progetto web secondo me è la parte più importante.

C’è bisogno di una persona che prenda in carico il cliente e abbia una visione d’insieme di tutte le attività da sviluppare siano esse tecniche o di marketing.

Questa persona deve avere una conoscenza trasversale e deve essere in grado non tanto di mettersi al posto del cliente ma di pensare e visualizzare quello che l’utente si aspetta o spera di trovare visitando il sito.

Lo so è difficile ma a me succede spesso già di visualizzare al momento del colloquio con il cliente come dovrà essere sviluppato il progetto.
So già quello che vuole, le funzionalità da utilizzare, i mezzi da installare, quali utenti potrebbero essere interessati e così via ……

Chiamatela come vi pare, esperienza, vision personale e professionale, trucco ma è comunque un aspetto che secondo me risulta essenziale per chi vuole gestire un progetto.

Il progetto web è a questo punto nato nella mente ma va tradotto nella pratica. E’ inutile parlare della predominanza degli aspetti tecnici o marketing, tutti sono fondamentali e tutti fanno la differenza!
Così come fa la differenza avere dei collaboratori che capiscono l’idea e riescono a tradurla in pratica (altro punto fondamentale).

Potete essere dei guru o dei geni ma senza aver indagato su voi stessi, su come lavorate in team e su come far crescere e motivare i vostri collaboratori, siete “solo chiacchiere e distintivo”!

Cosa altro fa davvero la differenza?
Fin qui niente di nuovo direte, tutti siamo buoni a farlo (qualche dubbio …….).

La vera differenza in un progetto, la fa l’attenzione maniacale dei dettagli. Il controllo delle virgole, dell’impaginazione, dei colori, dei font, delle funzionalità, della user experience e chi più ne ha, più ne metta.

Io adesso vi lascio. Che devo fare queste quattro cose, esattamente in questo ordine:

  1. fare l’ultimo controllo di un sito che va on line domani
  2. andare a comprare un etto di prosciutto bello salato e stagionato
  3. bere acqua e dissetarmi
  4. prendermi il quinto caffè della giornata